0958 997230     info@spedireadesso.com

  • Sei qui:   
  • Blog
  • Notizie flash
  • Fatturazione elettronica: anche SpedireAdesso.com si adegua alle nuove normative
  Categoria: Notizie flash  

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
fatturazione elettronica spedireadesso L

Se durante il cenone di capodanno non hai parlato d’altro che di fatturazione elettronica, anche tu sarai un commerciante/imprenditore preso dal panico per questa nuova rivoluzione finanziaria indetta dall’Agenzia delle Entrate italiana.  Ironia a parte, la fatturazione elettronica è una tematica davvero importante per ogni azienda/impresa/attività che si trova a gestire le fatture in entrata e in uscita a partire dal 1 gennaio 2019. Anche SpedireAdesso.com, in quanto azienda di spedizioni online, ha dovuto adattarsi alle nuove normative in materia di fatturazione, così da permettere ai propri clienti di richiedere la fattura di un servizio acquistato presso la nostra compagnia, nel pieno rispetto delle regole finanziarie italiane. In quest’articolo cercheremo di spiegare in modo semplice e chiaro in cosa consiste la fatturazione elettronica, come adeguarsi alle nuove normative fiscali e come richiedere la fattura elettronica a SpedireAdesso.com.

Fatturazione elettronica: di cosa si tratta?

Indice dei contenuti[nascondi]
Nei primi mesi del 2018 il Governo italiano ha redatto la Legge di Bilancio 2018 contenente un provvedimento, precisamente il n. 89757, secondo il quale ogni fattura emessa da un’azienda per prestazione di beni o servizi ad altre aziende (Business for Business) o privati (Business for Consumer) debba essere per legge elettronica, cioè realizzata e trasmessa per mezzo della rete.

Vantaggi della fatturazioneelettronica

Le ragioni alla base di questa decisione sembrano essere di nobili origini. Eliminando la forma cartacea si andrebbe a risparmiare sia sui costi di acquisto e stampa della carta, sia sulla produzione della stessa, e quindi la legge sulla fatturazione elettronica gioverebbe all’ambiente. Si renderebbe più semplice il processo di archiviazione delle fatture e soprattutto si eviterebbero errori di contabilità.  Ma ragioni ben oltre il mero rispetto per l’ambiente sembrano prevalere su tale decisione. Imponendo di fatturare  elettronicamente, infatti, l’Agenzia delle Entrate è in grado di gestire in maniera più precisa i movimenti delle attività italiane, riducendo il numero di evasori e minimizzando forza lavoro per il controllo dei corrispettivi. In pratica ancora una volta si è trovato il modo per monitorare le spese degli italiani ed averne un controllo più attento e dettagliato.

Chi non ha obbligo di fatturare elettronicamente?

Non tutti hanno l’obbligo di emettere fatture elettronicamente secondo la nuova normativa. Chiunque rientri nei “regime di vantaggio” e “regime forfettario” e infine i “piccoli produttori agricoli” . Gli appartenenti a tali categorie non hanno  l’obbligo ma possono comunque emettere fatture elettroniche  in alla stregua delle altre categorie.

Come funziona la fatturazione elettronica

Entrando nello specifico, l’Agenzia delle Entrate ha introdotto un sistema gratuito per la fatturazione elettronica attraverso il quale tutti possono emettere e ricevere fatture per acquisti di beni o servizi con o senza partita Iva. Dal 1° Gennaio 2019 tutte le aziende dovranno implementare tale sistema ed essere in regola con la normativa in materia di fatturazione. Ogni fattura potrà essere emessa , inviata, conservata e ricevuta solo tramite Sdi, cioè un codice di interscambio fornito dall’Agenzia stessa e per mezzo di PEC (Posta elettronica certificata) . Inserendo la fattura nel sistema con relativo SDI verranno verificati i dati e la loro correttezza, in particolare il sistema si accerterà che P.Iva e indirizzo dell’azienda siano corretti e che non vi siano errori negli altri dati. Al termine della verifica la fattura sarà trasmessa al destinatario per mezzo di PEC cosi da avere una traccia verificata dell’invio/ricezione. Oltre all'Agenzia delle Entrate, anche altre piattaforme hanno realizzato sistemi per la fatturazione elettronica e ognuno ha pieno dirittto di avvalersi di strumenti differenti da quelli messi a disposizione dell'Agenzia delle Entrate, anche se per farlo devono comunque essere registrati nel portale di quest'ultima e richiedere il codice di interscambio, senza il quale sarebbe impossibile emettere o ricevere fatture.

Come richiedere fattura a SpedireAdesso.com

fattura elettronica spedireadessoAnche SpedireAdesso.com si è adeguata alle nuove regole di fatturazione ed è in grado di fornire, a partire dal 1° di Gennaio del nuovo anno, fatture elettroniche ai propri clienti, sia privati che titolari di P.Iva. Richiedere la fattura in seguito all’acquisto di un servizio di spedizione da SpedireAdesso.com  è semplice come in precedenza. La fattura può essere richiesta nello stesso form di prenotazione, subito dopo aver inserito tutti i dati per la spedizione, selezionando la casella di riferimento ed immettendo i dati di fatturazione. L’unica novità, in seguito alla nuova legge entrata in vigore, riguarda la presenza di due nuovi campi da compilare, corrispondenti, appunto, al Dsi e Pec, nuovi dati indispensabili per la ricezione e invio della fattura elettronica. Nel caso in cui decidiate di richiedere la fattura solo in un secondo momento potete comunque trasmettere la richiesta contattando l’assistenza clienti tramite live chat, telefono e social network o direttamente inviando un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. fornendo tutti i dati necessari.

SpedireAdesso s.r.l.s

certificato SSL spedireadesso

certificato AICEL sonosicuro negozio 2218